CAI SEZIONE VILLADOSSOLA


Vai ai contenuti

Simone Moro

Venerdì 9 maggio 2008
In occassione del 40° scuola di Alpinismo (anno 2007)
Presso il "Centro Culturale la Fabbrica" di Villadossola ore 21
SIMONE MORO
(uno dei migliori esponenti delle spedizioni extraeuropee)
Presenta "Esperienze di Alpinismo extraeuropeo"

BIOGRAFIA:

Simone Moro nato nel 1967, Guida Alpina, atleta, istruttore federale, fu dal 1992 al 1996, allenatore della nazionale italiana F.A.S.I. di arrampicata sportiva. Arrampica dall’età di 13 anni e oggi pratica tale attività a tempo pieno unitamente alla realizzazioni di spedizioni alpinistiche alle grandi montagne della terra (Himalaya, Karakorum, Ande, Patagonia, Anartide, Thien Shan, Pamir. Simone ha tentato nell'ordine l’Everest nel '92 – l’Aconcagua e Cerro Mirador nel ’93 ed in inverno, Makalu nel '93, Shisha Pangma nel '94, Lhotse nel '94, Kangchenjunga nel '95, Fitz Roy nel '96, Dhaulagiri nel '96, Shisha Pangma nel '96, Lhotse nel ‘97, l’Annapurna nel ’97 (in invernale), di nuovo l’Everest nel ‘98, Pik Lenin 7134, Pik Korjenevska 7105, Pik Kommunism 7495, Pik Khan Tengri 7010, Everest nel 2000, Marble wall in inverno 2001, Everest-Lhotse 2001, Cho Oyu e Everest 2002, Antartide Mount Vinson 2002, Kilimanjaro, Broad Peak e Elbrus 2003, Baruntse 2004, Shisha Pangma prima invernale e Batura e Batokshi Peak 2005, traversata solitaria sud-nord Everest 2006. Alcune di queste cime sono state raggiunte ed il primo vero grande sucesso è stata la salita al Lhotse 8516 metri nel 1994 in sole 13 ore effettive (17 totali) partendo da 6300 metri di quota. La salita è terminata alcuni metri sotto la vetta a causa dell'impossibilità materiale di calcarne la sommità per il maltempo e le cornici di neve. Un altro risultato importante della sua carriera alpinistica è stata la combinata 8b - 8000 nello stesso anno solare, il 1994, ossia il superamento in roccia di itinerari di difficoltà 8b e la salita di una montagna di oltre 8000 metri di quota senza ossigeno.

Riuscire ad avere le qualità tecniche per muoversi su questi così diversi terreni d'azione e nella stessa stagione, è un risultato che pochissimi (forse nessuno) prima di allora avevano realizzato. Le più recenti realizzazioni alpinistiche sono le salite alle quattro montagne di oltre 7000 m della Russia in soli 33 giorni (record), nel 1996 il Fitz Roy 3441 per la parete ovest lungo l'itinerario integrale della " Supercanaleta ", in stile alpino ed in 25 ore effettive tra salita e discesa. Nello stesso anno sale inoltre senza ossigeno gli 8008 metri dello Shisha Pangma Sud in 27 ore totali (20 ore effettive) di salita partendo dal campo base, effettuando poi la discesa con gli sci da quota 7100 mt. Il 26 Maggio 1997 ritorna sulla vetta del Lhotse, la quarta montagna della terra, sempre senza l'uso di ossigeno, in compagnia del russo Anatoli Boukreev.

Nel Dicembre 1997 tenta la prima salita in invernale della parete sud dell’Annapurna. Un incidente mortale ad Anatoli Boukreev interromperà e funesterà il tentativo. Le ultime più eclatanti salite sono state la doppia salita all’Everest nel 2000 e nel 2002, la salita al Cho Oyu 8201 m e il raggiungimento della cima del Vinson 4895 in Antartide sempre nel 2002 (vedi anche elenco delle salite).

Il 2003 è iniziato con la salita al Kilimanjaro 5895 m ed il conseguimento di importanti riconoscimenti come il Fairplay Pierre de Cubertin tropy a Parigi dall’UNESCO e le medaglie d’oro al valor Civile dal Presidente della Repubblica Ciampi e dalla regione Lombardia. Simone ha anche conseguito il prestigioso David Sowles Award dall’ American Alpine Club. Tutti questi riconoscimenti di valore mondiale sono stati ricevuti per il salvataggio estremo che Simone Moro ha operato da solo, senza ossigeno e a oltre 8000 metri sulla parete del Lhotse 8516 m. Interrompendo la sua scalata e a rischio della sua stessa vita Simone ha infatti deciso di cercare e trarre in salvo un alpinista inglese infortunato di nome Tom Moores.

Negli ultimi due anni sono state realizzate altre due salite storiche. La prima salita dell'inviolata parete nord-ovest del Baruntse Nord 7056 m (chiamato anche Khali Himal) e la prima salita invernale assoluta del Shisha Pangma 8027 m lungo la parete sud.

http://www.simonemoro.com

HOME PAGE | STORIA | ORGANIZZAZIONE E COMMISSIONI | SCUOLE | GALLERIA IMMAGINI | ESCURSIONISMO | TUTELA ALPINA "TERRE ALTE" | ALPINISMO GIOVANILE | RIFUGI E BIVACCHI | ATTIVITA' RIFUGIO ANDOLLA | T.A.M. | ATTIVITA' SEZIONALE | ATTIVITA' CON LA VALLE DI SASS | CASA ALPINA | INCONTRI CULTURALI | CORO ANDOLLA | CATASTO DEI SENTIERI MANUALI | NOVITA' E NOTIZIE | LINKS | METEO | LIBRO DEGLI OSPITI | STORICO | VIDEO | STRUMENTI UTILI CARTOGRAFIA | PROGETTO VETTA | ASSICURAZIONE PER I SOCI | TELEFERICA RIFUGIO ANDOLLA | PROGRAMMA EST MONTEROSA 2017 | CAMMINO NATURA SPIRITUALITA' | Mappa del sito

<% Dim file, fs, f, LM file = Request.ServerVariables("PATH_TRANSLATED") Set fs = CreateObject("Scripting.FileSystemObject") Set f = fs.GetFile(file) Lm = f.datelastmodified Response.Write ("Ultima novità: " & FormatDateTime(LM, 0)) Set f = Nothing Set fs = Nothing %>
<% Dim file, fs, f, LM file = Request.ServerVariables("PATH_TRANSLATED") Set fs = CreateObject("Scripting.FileSystemObject") Set f = fs.GetFile(file) Lm = f.datelastmodified Response.Write ("Ultima novità: " & FormatDateTime(LM, 0)) Set f = Nothing Set fs = Nothing %>
DATA ULTIMO AGGIORNAMENTO 16 nov 2017 Errare humanum est

Torna ai contenuti | Torna al menu